F2i punta sulle reti, anche nelle telecomunicazioni: l’intervista dell’AD Renato Ravanelli al Corriere

Vogliamo creare il primo operatore italiano indipendente e leader nelle infrastrutture per il digitale terrestre e le telecomunicazioni, un settore strategico per l’Italia”: F2i SGR torna a puntare sulle telecomunicazioni, come annuncia l’Amministratore Delegato Renato Ravanelli in un’intervista al Corriere della Sera. Dopo gli aeroporti, la rete gas, le infrastrutture tecnologiche, le autostrade, il servizio idrico e la produzione di energia da fonti rinnovabili, il Gruppo ha annunciato a metà luglio un’Opa da 1,6 miliardi di euro su EI Towers, attiva dal 27 agosto al 5 ottobre: F2i era già entrata nelle telecomunicazioni con la piattaforma IRIDEOS, dedicata ai servizi a banda larga e di data center alle imprese.

Illustrando al Corriere i piani per il settore infrastrutture, l’AD ha sottolineato come l’operazione EI Towers sia diversa: “Se l’Opa andrà a buon fine, Mediaset cederà il controllo delle torri Ei Towers a F2i che gestirà l’infrastruttura con criteri di mercato e indipendenza: in Ei Towers noi avremo il 60% mentre Mediaset il 40%, passando da azionista di controllo a secondo azionista”. L’obiettivo è il delisting di EI Towers, per garantire la semplificazione degli assetti proprietari e maggior flessibilità di gestione. “Nelle infrastrutture”, ha sottolineato Renato Ravanelli, “mettersi insieme, fare rete e realizzare economie di scala è fondamentale per essere competitivi: la frammentazione non favorisce mai efficienza e qualità del servizio.” F2i punta a sviluppare le infrastrutture esistenti dopo averle messe a rete, attraverso i suoi investitori che sono soprattutto fondi pensione, assicurazioni, fondazioni bancarie e investitori di lungo termine: per l’AD è importante motivarli, puntando a spiegare che il Paese ha fondamenta solide, e che il debito elevato si contrappone alla ricchezza diffusa di famiglie e imprese.

Nell’intervista, Renato Ravanelli si è espresso anche sull’utility Ascopiave e sul difficile rapporto con i Comuni, definendosi rispettoso delle decisioni che si prenderanno a livello locale ma rafforzando la propria posizione. “È anacronistico pensare che in un settore infrastrutturale ed energetico si possa ancora operare con una prospettiva solida se si è di piccole dimensioni. In tutti i principali Paesi europei le utility sono dei colossi. Il Veneto ha bisogno di un operatore regionale forte”.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*