I Bambini delle Fate: l’adesione di Fabbro S.p.A., guidata da William Fabbro

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)

Fabbro S.p.A., guidata da William Fabbro, presta da sempre attenzione nel sostenere iniziative volte ad aiutare le associazioni che operano nel sociale e che si occupano di chi ha veramente bisogno. Dopo aver portato il suo contributo alla Sosta Solidale, la società attiva nel settore della ristorazione collettiva e del facility service ha scelto di entrare a far parte della squadra di imprese che finanziano i progetti de “i Bambini delle Fate” per sostenere l’iniziativa “Dalle stelle alle stalle”.

L’impresa sociale “i Bambini delle Fate” dal 2005 si occupa di comunicazione sociale e raccolta fondi regolare per assicurare, grazie all’apporto di quelli che amano definire capitani coraggiosi dalla mentalità imprenditoriale e cuore nel sociale, sostegno economico duraturo a progetti e percorsi di inclusione sociale a supporto di famiglie con autismo e altre disabilità. “Dalle stalle alle stelle” nasce con l’obiettivo di garantire continuità al servizio terapeutico fornito dal Centro Vittorio di Capua dell’Azienda Ospedaliera Niguarda Cà Granda di Milano, che da trent’anni costituisce il punto di riferimento per le discipline medico-riabilitative che utilizzano il cavallo come strumento.

Tale progetto che mantiene come focus principale la terapia e la formazione del personale, si è trasformato nel corso del tempo, estendendo le proprie aree di intervento alla corretta gestione dei cavalli da R.E., alla pratica pre-sportiva per pazienti pronti alla dimissione Grazie al contributo di aziende come Fabbro S.p.A., sono stati avviati nel tempo anche laboratori di orticoltura per i bambini e sono stati raggiunti importanti traguardi di autonomia fisica, psichica e sociale per disabili motori e psichici che hanno manifestato il desiderio del contatto col mondo del cavallo e della natura.

I Bambini delle Fate: l’adesione di Fabbro S.p.A., guidata da William Fabbro, 5.0 out of 5 based on 1 rating
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*