Alessandro Benetton: “Vendite in India superano i 200 milioni di dollari”

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)

Il Gruppo guidato da Alessandro Benetton primo marchio globale in India

Il gruppo del fashion Benetton ha superato nel suo fatturato annuale in india il miliardo di rupie, diventando di fatto il primo marchio di moda internazionale ad andare oltre questa soglia in ambito locale. Grazie a questo, l’India si è anche imposta come il più importante mercato per Benetton al di fuori dell’Europa. “Le nostre vendite in India hanno oltrepassato i 200 milioni di dollari nel 2012, facendoci raggiungere dimensioni significative. Siamo cresciuti molto dopo aver introdotto nel Paese una nostra società sussidiaria a gestione diretta nel 2004”, ha dichiarato il presidente Alessandro Benetton a Times of India la scorsa settimana, nel corso di un’intervista telefonica. Benetton aveva vendite per otto milioni di dollari nove anni fa, quando ha interrotto la joint-venture locale con DCM. “Vendiamo 7,5 milioni di abiti in India, con più di 600 negozi in 120 città e paesi”, ha aggiunto Alessandro Benetton, il cui impero della moda da 2,5 miliardi di dollari si trova a confrontarsi con una crisi economica e rivali emergenti nel fast fashion all’interno del mercato europeo. Benetton si è imposta su altri rivali di fascia media come Levi’s (8 miliardi di rupie) e Marks & Spencer (5,5 miliardi di rupie) nel fashion retailing indiano. Al momento l’India si colloca all’8% delle vendite globali di Benetton. L’azienda italiana e Levi’s sono tra le poche aziende multinazionali che producono in loco la maggior parte dei capi venduti nel Paese. Circa il 96% degli abiti di Benetton vengono prodotti nella stessa India, agevolati da prezzi vantaggiosi e da una risposta rapida alle esigenze del consumatore locale. “Benetton è tra le prime multinazionali ad esser arrivata in India. Ora ci stiamo muovendo anche attraverso le città di terzo e quarto livello (come Dimapur, Bhavnagar e Kota) per entrare in contatto anche con i giovani clienti di quelle zone. La nostra forza sta nel connubio tra un punto di vista globale sul fashion e l’attenzione alle sensibilità locale”, ha affermato il 49enne Alessandro Benetton, che ha iniziato la sua carriera in Goldman Sachs a Londra, prima di diventare capo del team Benetton Formula-1 negli anni 90. La famiglia Benetton è formata da quattro fratelli che hanno co-fondato il business della moda 50 anni fa, ma che ora hanno diversificato i propri interessi con la gestione delle autostrade italiane e catene di ristorazione autostradale. Il marchio Benetton ha dovuto far fronte a violente battaglie di mercato con agguerriti giganti del fast fashion come Zara ed H&M nell’ultima decade, ed è pronta a fare lo stesso in India. “Consideriamo le nostre dimensioni e le partnership locali come qualità positive in un mercato vasto in cui le dinamiche del business variano con le coordinate geografiche” ha detto Alessandro Benetton, alludendo alla decisione del suo gruppo di vendere a franchisee alcuni negozi di proprietà. Questo è accaduto nel momento in cui l’India ha allentato le norme FDI permettendo a retailer di singoli marchi di gestire le operazioni del negozio al 100%, attirando l’interesse di molti rivali globali. Benetton, come Landmark di Dubai, ha avuto una concessione speciale per la gestione dei negozi anche se le leggi non permettevano l’FDI fino a quest’anno. Benetton è proprietaria solo del 10% dei suoi 500 e più negozi esclusivi nel Paese. La casa di moda italiana, famosa per le sue coraggiose campagne pubblicitarie che puntavano il dito su questioni sociali e politiche, è tornata alle radici con la campagna UNHATE del 2011, che mostrava sui manifesti delle strade della moda i baci tra i capi di Stato di tutto il mondo, provocando reazioni pungenti. Il presidente della società di consulenza retail Saloni Nangia ha dichiarato: “La competizione si è fatta più intesa con l’ingresso in India di più multinazionali. Alcuni dei primi arrivati devono rivedere i loro piano i il loro posizionamento per rimanere importanti.”

Alessandro Benetton e il business a gran velocità

Circa l’8% dei 2,5 miliardi di dollari di fatturato di Benetton è attribuibile al mercato indiano. Il presidente di Benetton, Alessandro Benetton, ha affermato che la forza del gruppo sta nella combinazione tra fashion globale e sensibilità locali. Il contiene i prezzi producendo localmente il 96% del venduto e si è lasciato alle spalle rivali come Levi’s (8 miliardi di rupie) e Marks % Spencer (5,5 miliardi di rupie).

Alessandro Benetton: “Vendite in India superano i 200 milioni di dollari”, 5.0 out of 5 based on 1 rating

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*