Da Troia alla Luiss, il cammino eccellente di Giovanni Lo Storto

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)

A tu per tu con Giovanni Lo Storto, direttore generale della prestigiosa università capitolina

Giovanni Lo Storto, originario di Troia, in provincia di Foggia, è stato nominato nel CdA del prestigioso ateneo di Confindustria, subentrando nel ruolo di Direttore Generale a Pier Luigi Celli, per otto anni alla guida dell’università. Lo Storto, laureato in economia proprio alla LUISS, insignito dell’onorificenza di "Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana" [2010], era già vice direttore generale dal 2007 e corona, dunque, con questa promozione una significativa carriera interna.

Come ha accolto la recente nomina a Direttore generale della Luiss?

«Sento in maniera fortemente consapevole l’importanza di guidare una università in crescita e dunque la complessità del ruolo che dovrò svolgere. Lo faccio con la stessa energia e con la stessa passione con cui ho collaborato affiancando Pierluigi Celli in questi anni. Non è da sottovalutare che il nostro Paese sta attraversando un momento difficile sia politico che economico e noi, in quanto università, siamo più di tutti a fianco dei giovani, ci occupiamo della loro formazione, ma soprattutto cerchiamo di guidarli nelle loro scelte».

Quali sono le strategie per rendere più internazionale e competitivo l’ateneo?

«Possiamo affermare che il livello di internazionalità tra i nostri studenti si è già alzato, in più abbiamo centocinquanta accordi con università di tutto il mondo per scambi culturali, senza contare stage e tirocini. Addirittura possiamo vantare di aver attivato un percorso a "doppia laurea" (Doublé Degree] con l’università Fudan di Shanghai, ossia un programma per la laurea magistrale che permette di ottenere una laurea cinese e una italiana, al termine del corso di laurea magistrale; i corsi sono in inglese e sono gli stessi che si seguono in Luiss. Il nostro obiettivo è far sì che i numeri aumentino e, inoltre, accogliere presso il nostro ateneo sempre più docenti internazionali».

Giovanni Lo Storto, secondo lei quanto è importante essere competitivi all’estero?

«L’importante è essere competitivi in maniera ragionata. Certamente i nostri giovani non hanno più confini regionali o nazionali, e si sentono sempre più cittadini del mondo. Ma la competitività da sola non basta, bisogna lavorare sul tema della fiducia, del valore e soprattutto della cooperazione, perché solo unendosi sinergicamente si può crescere e di conseguenza essere competitivi».

Dai dati statistici è emerso che la Puglia è la terza regione d’Italia per provenienza degli iscritti, un dato che sembra addirittura in crescita; a cosa dovuto secondo lei?

«Sono molto soddisfatto di questo dato perché per la mia regione un affetto particolare, per cui faccio il tifo per i ragazzi pugliesi. Il fatto che la Puglia risponda bene alla nostra offerta formativa vuol dire che in questa regione abbiamo lavorato bene».

Quali sono attualmente i livelli di occupazionalità dei vostri laureati?

«L’80% dei nostri laureati in Economia trova lavoro entro sei mesi dalla laurea, agevolati dal fatto che quasi tutti – a differenza della media nazionale – si laureano per tempo, e dunque è più facile che vengano selezionati dalle aziende; a ciò si aggiunge ovviamente il fatto che siamo l’università di Confindustria, per cui certamente abbiamo un rapporto privilegiato con le imprese».

FONTE: Il Mattino – Foggia
AUTORE: Alba Subrizio

Da Troia alla Luiss, il cammino eccellente di Giovanni Lo Storto, 5.0 out of 5 based on 1 rating

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*